Resistenza, agricoltura e pandemia nell’esperienza dell’oasi di Chenini (Tunisia) – (IT)

La pandemia da COVID-19 ha evidenziato le profonde disuguaglianze nelle società di tutto il mondo. Ci ha ricordato, come già aveva fatto la crisi del 2008, la fragilità di un sistema alimentare dipendente da lunghe catene di approvvigionamento, sottolineando la necessità di riconoscere il diritto delle popolazioni a partecipare al processo decisionale e a definire i propri sistemi alimentari e le pratiche agricole, di allevamento e di pesca.Continue reading

Om Layoun, o La mère des sources (FR-ENG-IT)

Le documentaire est visualisable depuis le compte Vimeo du réalisateur : https://vimeo.com/519886729 The documentary can be viewed from the director’s Vimeo account: https://vimeo.com/519878739 Il documentario è visualizzabile dalla pagina Vimeo del regista: https://vimeo.com/555124712 Découvrez ses autres documentaires - Take a look at his other documentaries - Date un'occhiata anche agli altri suoi documentari: www.layoun-prod.comContinue reading

Anda, Torra e Ghorba. Da una sponda ad un’altra. (IT-FR)

È finalmente accessibile online il web documentario "Anda, Torra e Ghorba", che propone una preziosa selezione di storie di "passaggi", andate e ritorni tra le due sponde del Mediterraneo e su percorsi ancora più lunghi, come dall'Africa centrale. Gli autori (Rosi Giua, Raffaele Cattedra e Francesco Tomba) propongono la lunga storia, hanno registrato la memoria orale, si sono serviti degli archivi storici. Il risultato è un piccolo archivio audio visuale che ci accompagna in storie di migrazione dalla Sardegna alla Tunisia dagli inizi del 1900 sino poco dopo l'indipendenza della Tunisia nel 1956. Ma hanno anche proposto frammenti di attualità, come il viaggio di una delle protagoniste dalla Costa d'Avorio alla Tunisia e viceversa.Continue reading

Au fil de l’eau: le livre (IT-FR-ENG-AR)

Cette œuvre en images et textes donne une vision d’une Tunisie riche en ressources, paysages, visages et potentialités. Mais aussi une Tunisie blessée, épuisée et appauvrie. Une Tunisie où les visages, comme les paysages, racontent la douleur, la souffrance, le désespoir mais aussi les sourires, les rêves, la colère, les attentes et les actes de résistance. L’eau est l’élément central dans la relation entre l’homme et l’espace. Les paysages sont souvent hydrauliques et les visages révèlent l’aridité d’un lieu et l’abondance d’un autre.Continue reading

Scroll to top